venerdì 9 novembre 2012

Chiari (BS), Nadia Cari presenta il suo libro di poesie

Questa sera sarà presentato il libro di poesie “note di Prima vera” della poetessa sinta Nadia Cari. L'evento, all'interno della manifestazioni “Il vento dello spirito, ripartiamo dall'uomo” si terrà oggi, venerdì 9 novembre 2012, dalle ore 21.00, a Villa Mazzotti di Chiari (BS), presso la Sala dello Zodiaco. Interverranno la poetessa Nadia Cari, Fulvio Manara (docente di filosofia all'Università di Bergamo) e Carlo Berini (Vice Presidente dell'Associazione Sucar Drom).

La poetessa Nadia Cari con la sua famiglia ha subito in questi anni una delle più violente manifestazioni della discriminazione istituzionale in Italia. La sua poesia esprime il bisogno di esistenza che tanti politici xenofobi e razzisti vorrebbero negare ai Cittadini italiani, appartenenti alla minoranza storica linguistica sinta.

Leggere il libro di poesie di Nadia Cari è un po' come aprirsi ad un mondo nuovo, dove le speranze, il dolore e le gioie di una donna italiana si devono confrontare con la violenza e la discriminazione ancora fin troppo presenti nella stessa vita di Nadia e di tantissime altre donne sinte.

Scrivere senza saperlo fare...traballando, senza una reale meta. Solo la sete di conoscenza come soddisfazione...
La sua forza è la voglia di desiderio, l'orgoglio di un corpo che sa riconoscersi ed apprendere.
Da sola con la volontà di esserci mettendo la propria tenda, aprendola al destino.
Una piccola scrivana, narratrice del suo presente, del suo essere Sinta, delle quotidiane discriminazioni subite, della volgarità del razzismo accompagnato da sigilli regali o di bassa provenienza.
Una Poetessa che accampa accanto alle nostre mura con i suoi piccoli figli e con il sorridente marito... narrando l'allegria di una speranza, la gioia di un cammino, il dolore delle violenze, il laccio della repressione.
Ma la prima...vera verrà, inspiegabilmente verrà.

2 commenti:

steairo ha detto...

Ciao. Mi chiamo Stefano e sono un laureato in Filosofia di 29 anni! Da anni mi occupo del tema della diversità, a livello teorico e con la mia pratica di vita reale, e collaboro con una piccola casa editrice valdostana, la Faligi Editore, per la quale ho scritto il saggio: "L'Identico e il Diverso. Una genealogia del razzismo", di prossima pubblicazione. Ti volevo comunicare la mia stima per la tua vita piena di insidie ma affrontata, comunque, a viso aperto e con dignità.
Tramite la Caritas di Bolzano sono venuto a conoscenza di un dizionario Rom-Italiano/Italiano-Rom, che ho acquistato e tengo nel cassetto per un progetto "speciale". Si riferisce all'idioma parlato dai rom macedoni, una delle tante lingue del pianeta romanì. Gestisco, inoltre, un sito personale, www.editingplus.it, con all'interno un blog su WordPress. Mi piacerebbe che tu leggessi il mio post http://letterariamenteblog.wordpress.com/2012/11/06/martino/
che vuole essere un omaggio al tema dell'ospitalità e della solidarietà fra popoli con radici diverse, ma un unico grande destino in comune.
Grazie.
Stefano Airoldi

Carlo Berini ha detto...

Grazie Stefano, leggeremo il tuo post e se ci piace lo rilanceremo anche su twitter. Aspettiamo la pubblicazione del tuo libro.
per U Velto, Carlo Berini