giovedì 26 maggio 2016

Elezioni a Milano, rom e sinti incontrano i candidati sindaco

Per la prima volta i candidati sindaco incontrano la comunità rom di Milano. Ma non tutti: Sala e Parisi sanno già cosa fare.

Il 23 maggio la comunità rom e sinta di Milano, insieme con la Consulta Rom e Sinti e le associazioni della ReteRom (Amici di via Idro, Associazione ApertaMente, Associazione UPRE ROMA, GRT Italia, NAGA, Opera Nomadi Milano), ha invitato i candidati sindaco a un incontro per conoscere e valutare le proposte degli aspiranti amministratori della città per quanto la riguarda.

Era la prima volta e un’occasione per tutti per dimostrare che rom, insieme con filippini, senegalesi, ucraini, cinesi, italiani del nord e del sud, ecc. ecc., sono cittadini come gli altri di fronte ai doveri come ai diritti compreso quello di voto e partecipazione. L’invito è stato accolto dai candidati Basilio Rizzo, Marco Cappato, del Movimento 5 Stelle che ha delegato Luigi Rovina, con il contributo di altri candidati al ruolo di presidenti di zona (Alberto Ciullini) e di consiglieri (Anita Sonego, Diana De Marchi, Piero Leodi, Marina Brajdic).

L’incontro con la comunità, che si è svolto al Villaggio delle rose di via Chiesa Rossa 351, durato 2 ore e mezzo, è stato un vero confronto tra cittadini e futuri amministratori, che hanno discusso il tema dell’inclusione di una comunità costretta ai margini sociali dal pregiudizio e dalle campagne d’odio.I


In particolare due questioni sono emerse sulle quali è stato trovato consenso comune:
- non si può chiudere comunità come quelle di via Chiesa Rossa, Via Negrotto, via Impastato, via Vaiano Valle, più che campi villaggi di comunità omogenee, con abitazioni dignitosissime, frequenza scolastica, relazioni sociali, per sradicare queste famiglie e rendere la loro vita precaria e senza futuro, come è avvenuto due mesi fa con le famiglie di via Idro, ora disperse in diversi centri di emergenza, dove potranno stare pochi mesi senza più nulla di proprio (casa, mobili, elettrodomestici, oggetti personali), mentre i bambini perdono l’anno scolastico e i genitori tutte le loro relazioni;
- in ogni caso le decisioni che riguardano la comunità rom e sinta, come tutte le altre comunità, devono vedere rom e sinti interlocutori protagonisti, in quanto si tratta una minoranza storico-linguistica con una propria storia, una propria lingua, una propria identità culturale e non di una fragilità sociale.

Invece i candidati “principali” Sala e Parisi, non hanno ritenuto opportuno intervenire né direttamente né indirettamente. Forse quando si vota si può parlare (male) di ma non con Rom e Sinti. Forse Parisi il confronto lo dovrebbe fare più con Salvini che con i rom, per capire se deve comprare delle ruspe o mettersi intorno a un tavolo con le comunità rom e sinte, mentre il programma del candidato Sala evidentemente l’ha già scritto l’attuale assessore alla sicurezza, Granelli, che nei dieci punti per la città su pagine di giornale a pagamento mette ai primi due posti la chiusura del “campo nomadi” (non sa ancora che i rom non sono più nomadi da tempo) di via Chiesa Rossa e del “campo rom” di via Vaiano Valle. Con la cura Granelli certamente la città starà meglio, sarà più sicura perché ci saranno altre centinaia di persone in giro senza casa, precarie e disperate.

Consulta Rom e Sinti di Milano

5 commenti:

micro ha detto...

Buongiorno a tutti, volevo sapere per cortesia come deve fare una persona non residente in Italia ma nata in Italia e in Italia da sempre, come deve fare per avere la residenza. Mi è stato detto che prendendo un appartamento in affitto si può avere la residenza e si possono così mandare i figli a scuola; mi confermate questa cosa che mi hanno detto? Oppure c'è bisogno di altro? Grazie in anticipo.

Approfitto per dire una cosa che non mi sembra proprio giusta: una persona è nata in Italia, i suoi figli sono nati in Italia, i suoi genitori sono nati in Italia da una coppia marito e moglie scappati dalla Bosnia in guerra. E' mai possibile che né lei né i suoi figli abbiano la residenza in Italia? Scusate questo sfogo, ma a volte mi sembra di stare nel Quarto Mondo.
Ciao e grazie di nuovo.

PQRS ha detto...

Buongiorno micro, io non sono pratico di queste cose però ho trovato qualche info che forse potrà interessarti. Mi pare che il comune debba avere un indirizzo virtuale, cioè una via che non esiste per davvero ma è solo una via virtuale dove registrare chi è senza fissa dimora. Non ho ben capito se l'Anagrafe debba registrare in questa via virtuale solo le persone nate nel territorio del Comune. Comunque che si parla di domicilio; chi non ha una residenza può chiedere, invece della residenza, un domicilio abituale; addirittura si può indicare un luogo o più luoghi che abitualmente si frequentano, come per esempio una associazione di volontariato o l'androne del palazzo dove di solito un senza tetto va a dormire. Penso che in questi casi ci voglia il consenso di quelli che abitano o lavorano lì. Un problema rimane quello della reperibilità, perché l'Anagrafe deve poter reperire l'interessato e deve poter dare le comunicazioni che si rendessero necessarie. E' però interessante che una persona senza fissa dimora può scegliere come proprio domicilio un Ufficio Postale. E' semplice, se ho capito bene: bisogna noleggiare una cassetta postale e indicare l'Ufficio Postale e la cassetta postale come luogo di domicilio. Questo ha il vantaggio di essere sempre disponibile e, siccome il noleggio della cassetta postale deve essere rinnovato ogni anno, l'Anagrafe sa se il domicilio è sempre lo stesso.
Ciao.

Sucar Drom ha detto...

ciao, scrivi a osservatorio@articolo3.org e lascia il tuo numero di telefono. Ti contatteranno e ti daranno tutte le informazioni.

micro ha detto...

Grazie, però non voglio informazioni da chi sostiene il matrimonio egualitario. Ci arrangeremo in altro modo. Saluti.

Maru ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.