sabato 21 febbraio 2009

Ronde, il Quirinale prende le distanze mentre il Vaticano le condanna

Il Governo vara la stretta antistupri e il Quirinale prende le distanze. Nel provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri all'unanimità, e che andrà probabilmente in Gazzetta Ufficiale lunedì, ci sono le norme contro la violenza sessuale e contro lo stalking, la triplicazione dei tempi di permanenza nei Centri d'identificazione ed espulsione per i clandestini, l'assunzione di 2.500 unità delle forze di polizia e il via libera alle discusse ronde, con priorita' a poliziotti e carabinieri in congedo. Il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, sottolinea "l'esclusiva responsabilità del Governo" per il dl varato.
Il ministro Maroni in conferenza stampa aveva spiegato che dal Colle "non è arrivato nessun veto" in quanto "Napolitano ha concordato sul testo, senza difficoltà, obiezioni o forzature". Ma il presidente della Repubblica si 'smarca': "Il decreto legge è autonoma ed esclusiva responsabilità del governo". La distanza tra esecutivo e Quirinale questa volta prende corpo sul tema della sicurezza. Dopo il caso Englaro, a creare tensioni è il provvedimento che inserisce le ronde "sulla base di norme ben precise".
Il Colle aveva in un primo momento posto i paletti: "incostituzionale" ricorrere ai cittadini 'tout court', c'è il rischio - ha avvertito - di inficiare il lavoro delle forze dell'ordine. Da qui le 'correzioni', volute - fa sapere Ignazio La Russa - soprattutto da An: i sindaci, su intesa con i prefetti, potranno avvalersi di "volontari non armati" - soprattutto ex agenti ed ex militari - dotati di telefonini e ricetrasmittenti.
La reazione più dura è quella del Vaticano che arriva a supporre l'abdicazione dello Stato di diritto. Ma è quando il responsabile del Viminale chiama in causa Napolitano che il Colle è costretto a sottolineare la propria differenza di vedute: "La presidenza della Repubblica non entra nel merito del provvedimento ma - si fa sapere con una nota - "concorre solo a verificarne i profili di costituzionalità, oltre che la coerenza e correttezza legislativa nel rapporto con l'attività parlamentare". di RaiNews24

5 commenti:

sucardrom ha detto...

Ieri, il Vaticano con una nota della Sala stampa si è dissociato dalla dichiarazione di Mons. Marchetto (Pontificio Consiglio per i Migranti) che condannava il provvedimento sulle ronde.

Anonimo ha detto...

mi pare ovvio....la chiesa non deve interferire apertamente con gli affari dello stato italiano....lo dite pure voi a volte!!

xpisp ha detto...

Loro usano le guardie svizzere...mica ne hanno bisogno!

Interessante però, si dice sempre che la gente non partecipa, ci si lamenta che la gente non vive nelle città uscendo la sera, ci si lamentava che le ronde erano formate da inesperti, ora che ci sono ex poliziotti non va bene perchè sono + pericolose.
Vorrei capire perchè non si è lamentato nessuno dei city angels, per esempio.
Se la gente scende nelle SUE strade e si limita a osservare o a rendere meno facile compiere atti delinquenziali senza farsi vedere...perchè si protesta?
Paura di non avere + un lavoro?
Onestamente mi risulta che anche i rom attivino ronde proprie, ne avete + spesso dato notizia di interventi fatti per prevenire scontri durante manifestazioni di FN...loro si gli altri no?
L'importante è stabilire che comunque, se intervengono saranno puniti dalla legge!

sucardrom ha detto...

ciao Xpisp, non sono le ronde che offriranno più sicurezza ma un riprendere contatto, da parte di tutti, con la città. le ronde saranno inutili o provocheranno caos.
inoltre, è inutile che ripetiamo che sono in calo tutti i reati da decenni.
sarebbe al contrario utile che il Governo si preocupasse dell'emergenza economica e spenda più soldi per progetti sociali.
avremmo così un calo sempre più accentuato dei reati e maggiore sicurezza tutti.

xpisp ha detto...

Ripeto a te quello che ho gia detto a Hidden, i reati sono in calo nella loro globalità, sarebbe interessante sapere che modifiche hanno avuto i reati nei confronti del cittadino.
Rispetto ad una volta si sente molto meno parlare di mafia...questo indubbiamente riduce i reati.
Che dire poi del discorso droga...sembra non lo faccia + nessuno(almeno con le siringhe tanto di modo negli anni '80)
Ma se sono diminuiti i furti nelle case, spiegami, come mai gente che 10 anni fa dormiva con la porta aperta oggi dormono con sbarre alla finestra e antifurto inserito?
Da notare poi il fattore mancanza di fiducia nelle forze dell'ordine.
Cosa denuncio a fare un furto? Perdo tempo e basta!
In 7 anni che abito dove sono ora siamo 7 famiglie, tutti hanno avuto una visita, 2 famiglie sono state visitate di notte (signora che si sveglia perche vede luce(torcia) ai piedi del suo letto)
Ora tutti siamo dotati di antifurto...ma credi che qualcuno abbia fiducia nelle forze dell'ordine? quando li abbiamo chiamati perchè c'erano i ladri in casa sono giunti dopo 2 ore!!!
2 mesi fa hanno rubato delle biciclette da un garage...credi che sia stata fatta denuncia?
Le ronde se restano come nelle intenzioni iniziali(cittadini del luogo che si trovano e passeggiano nei posti non curati dalla polizia(vedi ad esempio dove abito io) e si limitano a segnalare...non ci vedo nulla di male.
Ma forse siamo in uno stato dove i cittadini non possono uscire in gruppo la sera...se non gli viene concesso il permesso da qualcuno.
Scusate...ma anche noi si paga le tasse...non solo i rom

PS
come spiegare la presenza di diversi extracomunitari tra i cittadini delle ronde 1° maniera???
xenofobi?